17 giugno 2016

VALIDITA’ PRESCRIZIONE, AMPLIATA A 180 GG.

In seguito alle reiterate richiesta della FIMMG l’Assessore della Salute protempore ha emanato il D.A., che trovate da scaricare in fondo alla pagina,  che sancisce che la ricetta (sia rossa che dematerializzata) ha validità per 180 giorni ai fini della prenotazione e che un volta prenotata non ha più scadenza fino alla data di prenotazione degli accertamenti in essa contenuti.
Si puntualizzo che le ricette già emesse dai medici prescrittori anche se antecedenti al decreto acquistano validità 180 giorni.
Altra novità e che tale modalità di presa in carico riguarda tutte le prestazioni presenti nel CUR (scaricabile in fondo la pagina), quindi anche gli esami di laboratorio.

Sta ai MMG a questo punto istruire i pazienti che ottenute le prescrizioni dagli specialisti possono prenotarle dove loro credono opportuno e che per le indagini strumentali è preferibile che le prenotino nel nosocomio stesso dove hanno fatto la visita in modo tale che se la ricetta non è accettata dal CUP, possono tornare dal medico specialista prescrittore seduta stante e farsela correggere (così non arriveranno solo ai MMG le lamentele di avere prescritto una ricetta “sbagliata”): ciò che più conta è che lo specialista abbia il giusto feedback e così come si stanno facendo i MMG userà sempre meglio e di più le dizioni delle prestazioni inserite nel CUR che peraltro sono quelle previste dai LEA e ciò in un’ottica di appropriatezza prescrittiva e di sostenibilità complessiva.

In fondo la pagina è possibile scaricare anche la nota a suo tempo inviata a tutti i soggetti in indirizzo che ribadisce in maniera inequivocabile l’obbligatorietà dell’uso del ricettario SSN e della ricetta dematerializzata per tutti i medici prescrittori avanti titolo. Tale nota è sostanziata da un parere legale autentico.

SCARICA: