2 luglio 2019

Progetto MMG e screening oncologici: corso di formazione obbligatorio.

A tutti i MMG

 

Cari Colleghi,

 

Copio e faccio mia una lettera inviata dal nostro Segretario Regionale Dr. Luigi Galvano per ribadire quanto segue:

avete già ricevuto copia dell’accordo firmato sugli screening oncologici da parte della componente di parte pubblica e dalle OOSS di categoria ed inviato all’Assessore per la opportuna decretazione.

 

Come potete vedere nel testo la partecipazione al programma formativo già definito presso l’Asp di Siracusa è obbligatoria, come sarà obbligatorio “pulire” gli elenchi dei cittadini che non hanno risposto all’invito con lettera da parte dell’Asp (non responders) e una volta pulito reinviarlo al centro screening.

 

Queste due attività, partecipare al corso e pulire l’elenco, comportano il perdurare della erogazione di € 2,25 per assistito per anno.

 

In fase di prima applicazione il termine per la riconsegna dell’elenco pulito dei non responders sarà il 31 Dicembre 2019.

 

Resta pertanto evidente che perché i Medici abbiano più tempo a disposizione bisognava fare i corsi il prima possibile, occorreva che la ASP di Siracusa mettesse giù il calendario degli incontri subito in modo che entro il mese di Luglio si concludesse il tutto (in effetti finiremo entro il 18 Luglio).

 

E’ del tutto evidente che se  saltava tale periodo i corsi non si sarebbero potuti organizzare prima di fine Settembre e sarebbe rimasto molto poco tempo ai medici per pulire le liste e invitare gli assistiti non responders ad aderire agli screening, tempo troppo breve considerando che il mese di Dicembre si può utilizzare solo parzialmente e che ad Ottobre e Novembre siamo gravati dalle vaccinazioni oltre che si tratta di periodi densi di corsi e congressi che interessano tutte le categorie di medici compresa la medicina generale.

 

Vi sottolineo che tale indennità viene da noi riscossa dal 2005 e oggi è arrivato il momento di operare come già previsto nell’accordo Air del 2005 e in quello del 2010 (vedi allegato in calce).

 

In ultimo vi comunico che la parte pubblica voleva sospendere l’indennità  (€ 3.375 l’anno per un massimalista) e ripristinarla dopo la verifica dell’attività svolta: abbiamo tenuto duro ed ottenuto che prima si fa il programma formativo, poi ci forniscano l’elenco continuandoci a pagare e solo a progetto finito si fanno la verifiche semestrali.

 

Ad ogni buon fine vi riporto in calce l’articolo di riferimento dell’ultimo Accordo regione sui compiti del MMG praticamente uguale a quello dl 2005.

 

In ultimo non è marginale riferire che sugli screening oncologici siamo fra i meno performanti in Italia e che la sopravvivenza globale è fra le più basse del Paese anche se abbiamo una incidenza inferiore di tumori (ritardo delle diagnosi, più difficile accesso ai nuovi farmaci, minore implementazione dei LEA).

 

La parte che ci riguarda investe la nostra missione e non è negoziabile.

 

Saluti

Giovanni Barone
Segretario Generale Provinciale di Siracusa

 

 

15-10-2010 – GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA – PARTE I n. 45

 

 

Art. 2

 

Il governo clinico

 

La Regione siciliana, nel più ampio scenario degli obiettivi previsti dal piano di prevenzione nazionale, individua due ambiti prioritari di attività finalizzati al governo clinico, cui i M.M.G. devono aderire secondo modalità contrattate:

 

  1. Partecipazione alle attività di screening regionale (obiettivo già presente nel precedente accordo)

Screening tumori: carcinoma mammario; carcinoma del colon retto; carcinoma del collo dell’utero.

 

Nell’ambito di tale programma, i M.M.G. sono tenuti a:

 

— partecipare alla sessione di formazione specifica del programma;

 

— attenersi ai protocolli operativi stabiliti nel programma;

 

— co-firmare la lettera di invito;

 

— fornire l’informazione necessaria alle persone da loro assistite al fine di incentivarne l’adesione;

 

— selezionare, tra i propri assistiti, le persone eleggibili;

 

— seguire i propri assistiti nelle varie fasi conseguenti lo screening secondo i protocolli.