30 maggio 2020

GLI INFORMATORI SCIENTIFICI DEL FARMACO DI RAGUSA RIPRENDONO L’ATTIVITA’. FIMMG RISPONDE CON PERPLESSITA’.

Pubblichiamo di seguito la nota  che il nostro segretario regionale Luigi Galvano ha inviato in risposta alla comunicazione  ripresa dell’attività degli informatori scientifici del farmaco esprimendo chiare perplessità.

Gentili Signori ISF,

si resta perplessi nel leggere la vostra lettera allegata in quanto argomenta  posizioni non evidenziate a margine della nota inviata da questa segreteria.

Ma andiamo per gradi.

La prima nota che l’Assessorato ha emesso per disciplinare la materia è del 9 Marzo 2020 n. 13766.

La seconda nota ad integrazione della precedente è del 30 Aprile n.16254 con cui si proroga il termine alla visita degli ISF al 24 Maggio (non si entra nel merito del perché giusto il 24 maggio).

In questa circolare nelle more si invitano i responsabili legali delle Aziende e degli Enti del SSR a predisporre un adeguato piano di accesso degli informatori conforme alle disposizioni di sicurezza e di distanziamento sociale nello svolgimento delle suddette attività, in modo da fornire specifiche indicazioni operative ai soggetti interessati con congruo anticipo rispetto al termine di conclusione della suddetta sospensione.

Lo scrivente il giorno 20 Maggio in prossimità della scadenza del termine previsto dalla circolare citata scrive ai soggetti in indirizzo la nota allegata nella quale afferma: “in riferimento alla Vostra nota in oggetto, si comunica che, a nostra conoscenza, ad oggi non è stato dato seguito, da parte dei soggetti in indirizzo, a quanto previsto dal secondo capoverso della Vostra nota che si allega. Pertanto in difetto di quanto da loro previsto, è evidente che la data

programmata (24 Maggio) non possa essere rispettata. In attesa di un cortese riscontro l’occasione è gradita per porgerVi distinti saluti.

Il cortese riscontro è arrivato in meno di 24 ore e per le vie brevi, fatto assolutamente inconsueto e irrituale!

Orbene ad oggi non ci risulta che le SSLL abbiano chiesto o sollecitato le autorità in indirizzo nella nota del 30 Aprile, in difetto di una regolamentazione delle aziende, ad emettere una specifica regolamentazione dei loro accessi, né di avere proposto un codice di autoregolamentazione che, ove informati, poteva anche essere condiviso!

Eppure trattandosi di una cosa così importante per loro, trattandosi del loro lavoro ci si sarebbe aspettata un loro sollecitazione in prossimità della scadenza del 24 Maggio, a differenza di quanto invece ha fatto l’organizzazione che rappresento che in assenza di quanto prospettato dall’Assessorato, il 20 Maggio si è premurato di interpellare l’autorità costituita.

Sarete sicuramente informati che molte Aziende stanno predisponendo i piani di riferimento per la gestione della FASE 2 anche per gli studi dei MMG che si ribadisce operare in studi privati e che è esclusiva prerogativa del medico titolare la responsabilità delle scelte fatte in linea con le norme di legge.

Quindi in conclusione delle due opzioni previste dalla circolare n.23495 al punto 4): ricevere gli ISF per appuntamento e in loco o essere informati da remoto attraverso piattaforma, la scelta è esclusivamente del medico di medicina generale titolare.

 

In ultimo si rende noto che i MMG in ottemperanza alla circolare dell’Assessorato della Salute n.14005 del 16.4.2020 (che si allega) in alcune ASP si stanno sottoponendo volontariamente alla esecuzione dei test sierologici per il COVID-19, e ciò a tutela della salute dei propri assistiti, di loro stessi e delle loro famiglie.

Seguirò sicuramente il Loro invito dando diffusione della loro lettera a tutti i MMG.

Il segretario generale regionale

Luigi Galvano

CLICCATE SUI LINK DI SEGUITO PER CONSULTARE LA DOCUMENTAZIONE DI RIFERIMENTO:

lettera isf

nota 22 maggio 2020 visite ISF (1)

23495.pdf

Untitled_16042020_191122.pdf.

nota 20 maggio 2020 visite ISF

Nota 16254 Assessorato